Prima regola del Digger Club: non si toccano le ciabatte dei Digger!

“Prima regola del Digger Club: non si toccano le ciabatte dei Digger.”

3 date belle compatte. Si parte da Roma, dal Traffic! Ci sono gli svedesi Stormhold ad attenderci. Lunghe chiome bionde e birre in mano…parte subito il gemellaggio al grido di “Skål!”. Se sòna! Poi arrivano loro… 35 anni e non sentirli: the Grave Digger! “Heavy Metal Breakdown” e il tempo di farci fottere 4 cd… che si riparte verso la seconda tappa: Midian – Cremona. Ad attenderci stavolta c’è il buon Giuliano Zippo che ci fa sentire subito a casa. Magnamo, suoniamo… spostiamo ciabatte. Non contenti ci finiamo anche gli avanzi nel camerino dei becchini. Belli satolli, salutiamo gli Storm che riprendono il volo verso le terre del nord. Si va in albergo con ancora la faccia del roadie stampata negli occhi. Abbiamo la mattinata di day off, ma se per pranzo riusciamo ad arrivare a Prato, potemo magnà il caciucco. Allora partiamo. Caciucco. Foto ricordo piazza duomo. Si arriva all’Exenzia. Non ci attende nessuno… perche non troviamo l’ingresso. Trovato! Si apre la porta e c’è lui… il roadie. Ci passa tutta la vita davanti… accenna un sorriso, sembra essersi dimenticato di tutto. Grazie. Divani dell’Exenzia troppo comodi. Pennica. Arriva Mr. Zola (dal cognome già avevamo capito che doveva essere uno bravo!). Ci fa checkare! Arrivano i colleghi di palco: gli Etrusgrave. Si fa subito amicizia davanti a un bel piatto di pollo&patate. Con o senza h, basta che se magnah!.
Leggenda narra che, alla fine dell’ultimo pezzo in scaletta, qualcuno in regia abbia fatto segnale di tagliare. No, non si era dimenticato. r’n’r lm/

Si ringrazia Erocks Production Management & Booking , Official GRAVE DIGGER Fan Site, Stormhold , Etrusgrave, Traffic Live , Midian LIVE ,Exenzia Rock-Club Aurelio Laugelli , Matteo Zola Niccolai , Giuliano Zippo , Albergo dell’Angelo di Pontevico, Davide Righi.